Siamo lieti di averla tra noi – I racconti di Stefano Benni a fumetti

1 marzo 2012 Commenti disabilitati su Siamo lieti di averla tra noi – I racconti di Stefano Benni a fumetti

SIAMO LIETI
Presentazione del volume
SIAMO LIETI DI AVERLA TRA NOI – I RACCONTI DI STEFANO BENNI A FUMETTI

Biblioteca SalaBorsa – Auditorium Biagi (Bologna)
Giovedì 1 marzo 2012 h 12.30

Siamo lieti di averla tra noi – I racconti di Stefano Benni a fumetti, edito da Kappa Edizioni, raccoglie il meglio delle opere partecipanti al concorso di Flashfumetto dello scorso anno Siamo lieti di averla tra noi. Il volume è introdotto da interventi  e scritti di Luca Boschi (sceneggiatore, disegnatore e giornalista), Davide Reviati (fumettista, illustratore e pittore), Alberto Sebastiani (giornalista e docente presso la Facoltà di lettere e filosofia dell’Università di Bologna) e Tuono Pettinato, (fumettista, tra i fondatori dei “Superamici”).
Il volume sarà presentato in anteprima a Bologna giovedì 1 marzo alle ore 12.30 in occasione del Festival BiBOlBul 2012 nell’Auditorium della Biblioteca SalaBorsa, con interventi di Andrea Baricordi (sceneggiatore, disegnatore, editore), Alberto Sebastiani (giornalista e docente presso la Facoltà di lettere e filosofia dell’Università di Bologna), Tuono Pettinato, (fumettista, tra i fondatori dei “Superamici” e alla presenza degli autori di Siamo lieti di averla tra noi. Gli autori presenti all’incontro riceveranno una copia omaggio del catalogo.
L’evento è cura di Flashfumetto – Progetto Giovani del Comune di Bologna.

Siamo lieti di averla tra noi
Presentazione
La giuria

Prefazione di Davide Reviati

Per quanto mi riguarda, far parte della giuria per un concorso di fumetti è sempre una moneta a due facce: da una parte la vanità del sentirsi riconosciuto come autore in grado di esprimere un parere autorevole, dall’altra la responsabilità del giudicare ed eventualmente incidere sulle scelte future di molti di questi giovani, magari sbagliando.
Da ciò nasce quel senso di inadeguatezza al ruolo che mi coglie subito dopo averlo accettato, quel ruolo, alleggerito per fortuna dal piacere di scoprire giovani di talento con grandi potenzialità.
Anche in questo caso è andata così, quando Fabio Sera mi ha proposto di far parte della giuria per il concorso “Siamo lieti di averla tra noi – I racconti di Stefano Benni a fumetti”, organizzato dalla redazione di Flashfumetto.
Nel caso specifico, come ben si intende, si trattava della trasposizione di un’opera letteraria in fumetto, cosa sempre molto delicata e difficile, checché se ne pensi. Il rischio di didascalismo è sempre presente.
Si sa quanto Hugo Pratt trovasse intrigante il rapporto tra le due forme espressive, dato che fumetto e letteratura sono tanto vicini e complici nella passione del raccontare il mondo, la vita, l’avventura e tutto quello che viene, quanto lontani nei modi: la letteratura affronta la partita con una sola arma, che è la scrittura, e stimola ad immaginare; il fumetto gioca con due elementi complementari, che sono l’immagine e la scrittura, tutto ciò che nasce dall’incontro o dallo scontro di questi due elementi forma la sua potenza evocativa e coinvolgente. Che spesso significa ridistribuire la mappa dei punti cardine della storia, cercare le atmosfere attraverso altri artifici che non siano solo quelli della scrittura in sé, quando non doversi addirittura reinventare i meccanismi narrativi di un racconto.
Il criterio che ho seguito nei miei voti personali è lo stesso che mi spinge a scegliere un libro dallo scaffale piuttosto che un altro: l’istinto e il piacere. Ma non è stato facile comunque, anzi. Avrei voluto, come spesso mi capita di chiedere agli organizzatori, che ci fossero più premi da distribuire, perché le opere e gli autori che lo meritavano erano davvero tanti. Diverse tavole presenti in questo concorso mi hanno lasciato addosso stimoli  nuovi e voglia di mettermi subito al tavolo a disegnare. Lo considero un regalo grande e prezioso. Ho trovato almeno una decina di opere, in questa galleria di lavori (tutti per altro degni di attenzione), che mi sono sembrate notevoli, altre in cui si intuisce il talento.
Chiudo col raccontare che il mio primo libro illustrato risale al 1989 e, tanto per dire, la prima volta che ho ricevuto un premio è stata nel 2009.
Quindi, al solito, forza e coraggio!



Annunci

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Siamo lieti di averla tra noi – I racconti di Stefano Benni a fumetti su davide reviati.

Meta